Centro diurno con presa a carico socio assistenziale ( centro diurno di Biasca )

” … Il nostro centro è un luogo d’incontro dove ogni persona può socializzare, sperimentare, condividere e contrastare la solitudine.

Il centro è studiato per permettere alle persone che necessitano di assistenza di accedervi facilmente (accessibilità per persone con difficoltà motorie garantita). Le persone hanno la possibilità di partecipare ad attività di tipo preventivo, coordinate da un professionista che può valutare le esigenze individuali e mettere a punto dei progetti specifici anche con il supporto di professionisti e della rete sociale esistente sul territorio…”

Yves Toutounghi // Coordinatore

Il Centro diurno ATTE di Biasca riaprirà le porte a settembre, dopo la consueta pausa estiva. Quest’anno, con la nuova impostazione, le novità sono numerose. Da centro di tipo 1, (Socio ricreativo), con l’ approvazione da parte del DSS si passerà al tipo 2 (Socio assistenziale) con un ampliamento delle prestazioni offerte in favore dei frequentatori.

La struttura che si trova nel centro di Biasca è accessibile a tutti, in particolare alle persone anziane che possono e vogliono mantenere la propria autonomia e indipendenza.

Le attività del centro si rivolgono alla popolazione di provenienza sovracomunale, sia persone autosufficienti che persone con bisogno di assistenza per le attività di base della vita quotidiana.

Oggigiorno si vuole favorire la permanenza al proprio domicilio il più a lungo possibile permettendo così alla persona di mantenere il contatto con gli affetti, nella propria zona abitativa e di conservare le proprie abitudini nella massima autonomia.

cosa significa centro diurno con presa a carico socio asistenziale

> mantenere le risorse personali e l’autonomia della persona anziana;

> organizzare un mantenimento a domicilio in coordinamento con le altre strutture sul territorio;

> sgravare i famigliari, badanti, ecc.;

> prendere in carico le persone che necessitano di assistenza nelle
   attività di base della vita quotidiana;

> tutelare lo stato di salute.

Per ATTE Sezione Biasca e Valli questi concetti sono fondamentali, ed il CD2 è stato pensato per permettere agli abitanti del comprensorio di usufruire di servizi di qualità.
Il centro è aperto tutti i giorni feriali e uno festivo al mese. Le persone autosufficienti possono decidere autonomamente i giorni di frequenza e la durata di permanenza, come pure se partecipare alle attività proposte o passare unicamente per una colazione, la misurazione della pressione o/e della glicemia. Per le persone che necessitano invece di assistenza va valutata l’idoneità a frequentare il centro, valutazione che spetta al responsabile o nei casi dubbi a personale medico.
A questi frequentatori, che necessitano di assistenza particolare, il centro offre una presa in carico di almeno due giorni settimanali. Il Dipartimento della sanità e della socialità promuove e sostiene i centri diurni CD2 per rispondere, con le altre offerte, alle esigenze della popolazione.

Attività generali

> ricreative o di socializzazione;

> progetti di promozione della salute con obiettivi mirati al mantenimento delle funzioni sociali e psico-fisiche;

> giornate di prevenzione sanitaria;

Nello specifico offriamo

> una volta alla settimana la colazione (abbiamo creato il “Ristoro dell’Amicizia” dove è possibile trovare giornali e libri per una buona lettura);

> attività gastronomiche;

> corsi di ginnastica dolce;

> controllo della pressione arteriosa;

> feste e pranzi (un pranzo mensile domenicale);

> escursioni e visite;

> giochi di società e tombola;

> corsi d’informatica e di utilizzo dei nuovi apparecchi telefonici e tablet;

> visione di film;

> conferenze di vario genere;

> attività manuali e musicali;

e tanto altro..

A chi è indirizzato

La struttura garantisce un servizio di trasporto da/per il CD2 per le persone che presentano un problema di mobilità.

Per noi sono fondamentali

> il coinvolgimento: la struttura coinvolge
ed informa in merito ai cambiamenti organizzativi,
favorisce la partecipazione degli utenti,
dei famigliari e delle strutture operanti sul
territorio pubbliche e private;

> la promozione della salute mantenendo
e/o migliorando le condizioni psico-fisiche nel
rispetto della visione soggettiva della persona e
della famiglia e delle regole della vita comunitaria;

> il benessere: il CD2 promuove un clima di benessere
generalizzato, che comprende azioni pratiche ma anche
atteggiamenti di buona relazione. Accoglienza empatica,
attenzione, rispetto delle opinioni, dei valori, degli interessi,
dei gusti, dei piaceri, ecc.

> l’affettività: il centro è aperto anche ai famigliari
e amici degli ospiti, come pure alla popolazione
in generale senza limitazioni;

> l’autorealizzazione: la possibilità di attuare ancora
concretamente le proprie aspirazioni, i desideri,
di sentirsi appagati grazie alla condivisione e alla
rete creata all’interno del centro;

> il gusto: gioire del momento del pasto, riconoscendo
l’alternanza delle stagioni ed i gusti della tradizione,
in una sana alimentazione.

>Il coordinatore, i professionisti e il personale
volontario che operano all’interno della struttura
prestano particolare attenzione all’ospite, anche nelle
piccole azioni di vita quotidiana.

Monitoraggio degli ospiti

> verificare lo stato generale di salute;

> monitorare la regolare assunzione di
eventuali terapie prescritte;

> effettuare misurazioni pressione
e/o glicemia;

> condividere e censire bisogni, patologie
e diagnosi;

> valutare giornalmente o periodicamente lo
stato psico-fisico;

> mantenere una comunicazione continua con
i famigliari e/o il medico di famiglia e/o i professionisti
operanti sul territorio;

> inviare un report se richiesto e/o necessario
al medico di famiglia.

Sezione

Quindi chi vorrà prestare la sua collaborazione in questa attività in favore degli anziani, che ringraziamo
già sin d’ora, è pregato di contattare il coordinatore-responsabileSig.  Yves Toutounghi,  no. 079 588 73 47 oppure il
Centro di Biasca  no. 091 862 43 60 per avere informazioni in modo dettagliato.

La Sezione ATTE Biasca e Valli con questo scritto spera di essere riuscita a spiegare e sensibilizzare gli anziani,
i loro famigliari e la popolazione sulla bontà e l’ utilità di questa iniziativa in favore della popolazione anziana.